Ciao!

Hai bisogno di assistenza? Siamo a tua disposizione per qualsiasi tua richiesta.

Chiamaci ora
Orario Continuato
Visite su appuntamento
Ciao, come possiamo aiutarti?
×
Contattaci

TRATTAMENTI DI MEDICINA ESTETICA

  • HOME
  • SERVIZI
  • TRATTAMENTI DI MEDICINA ESTETICA

Medicina estetica: cos'è?

 

ll paziente domanda... lo specialista risponde

 

La medicina estetica è una branca medica sviluppatasi solo in tempi recenti, finalizzata a migliorare il benessere psicofisico della persona, attraverso interventi non invasivi tesi a risolvere un inestetismo estetico.

Si tratta quindi di una metodica correttiva, ausiliaria alla chirurgia estetica, che si propone di correggere gli inestetismi del corpo con metodiche “soft”. 

Non bisogna quindi averne timore. Tale disciplina unisce:

  • l'importante esperienza clinica e capacità di un medico
  • l'approccio dolce e delicato di un trattamento non invasivo

L’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) ha recentemente esteso il concetto di salute, definendola come il completo benessere psicofisico della persona, riconoscendo quindi anche l’importanza della medicina estetica per il raggiungimento della piena accettazione del proprio aspetto fisico.

 

 

Affidatevi a personale medico esperto e qualificato, NON a centri estetici!

 

I nostri servizi estetici per il viso: 

  • trattamento ringiovanente viso
  • trattamento acne
  • trattamento alopecia
  • trattamenti estetici tramite P.R.P. - Plasma Ricco di Piastrine

 

Un sorriso smagliante per un viso più giovane:

  • sbiancamento dentale
  • ricostruzioni estetiche del sorriso
  • allineamento dentale invisibile
  • applicazione glitter dentale

 

I nostri servizi estetici per il corpo:

  • trattamento snellente pancia e fianchi
  • trattamento cellulite
  • trattamento smagliature
  • pacchetto gravidanza

 

Trattamenti estetici tramite Veicolazione Transdermica 

 

 

Cos’è la Veicolazione Transdermica? 

È un metodo indolore privo di effetti collaterali. Consente di trasportare transdermicamente principi attivi ad alto peso molecolare negli spazi interstiziali cellulari senza intermediazione del circolo ematico nella prima fase (es. farmaci, prodotti omeopatici, fitofarmaci).

Il sistema utilizza come carrier impulsi elettrici a bassa frequenza (elettroporazione). L’onda elettrica di stimolazione viene prodotta da un generatore di corrente costante, in grado di valutare le variazioni della resistenza della pelle in condizioni stabili e riproducibili.

Con una opportuna variazione dei parametri elettrici, questa metodica rende possibile la veicolazione di sostanze per via transcutanea, non alterando i tessuti e raggiungendo profondità ottimali.

   
Uno dei principali benefici di questa metodica è che il rilascio del farmaco può essere protratto per un lungo periodo, da poche ore fino a diversi giorni, sfruttando la via cutanea. Vengono inoltre ridotte al minimo eventuali incompatibilità con i principi attivi del farmaco e i potenziali rischi tossicologici associati all’utilizzo delle vie di somministrazioni più classiche (come quella gastro-intestinale o endovenosa ad esempio).

SI tratta quindi di un innovativo mezzo di somministrazione farmacologica dai grandi benefici che risulta una comoda soluzione non invasiva dei più comuni inestetismi:

  • rughe
  • acne
  • macchie cutanee
  • cellulite
  • drenaggio
  • alopecia

La non-invasività consente ripetute somministrazioni del farmaco sul medesimo distretto corporeo in una previsione di trattamenti a medio e lungo termine, con ottimi risultati fin dalle prime sedute.

 

Trattamento ringiovanente viso 

 

 

Sia come metodo curativo sia per interventi estetici e trattamenti viso in particolare, il Tecar garantisce risultati affidabili sull’effetto terapeutico generato dal macchinario, ovvero l’aumento di flusso di sangue nei tessuti (iperemia attiva) indotto dal riscaldamento profondo.

I trattamenti viso Tecar trovano campi di applicazione nei tessuti che si vogliono rigenerare, attraverso lo spostamento delle cariche e un allineamento delle polarità, sfruttando l’effetto di biostimolazione indotta.

 

Trattamento acne

 

 

Che cos'è l'acne?

L’acne è una malattia del follicolo pilo-sebaceo, responsabile della comparsa di lesioni non infiammatorie (comedoni o “punti neri”) e lesioni infiammatorie (papule, pustole, noduli e cisti), più o meno gravi. Compare soprattutto nelle aree ricche di ghiandole sebacee, come ad esempio la T del volto, una sede estetica con una potenziale compromissione della qualità della vita del soggetto affetto. Si manifesta alternando fasi di peggioramento, soprattutto dopo la stagione estiva, a fasi di remissione.

L’acne rappresenta una malattia cronica e recidivante, molto frequente nell’età adolescenziale (70-87% dei casi), ma non esclusiva di questa età. L’esordio è più precoce nelle femmine (11 anni) rispetto ai maschi (12-13 anni). Generalmente, la malattia si risolve intorno ai 20 anni, anche se nel 12% dei casi può perdurare fino ai 25 anni e nel 7% fino alla quarta decade di vita.

Tuttavia, negli ultimi anni si è notato un aumento dei casi di acne ad insorgenza, tanto da preferire indicarla come “acne volgare”, piuttosto che acne giovanile come nel recente passato.

 

Esistono diverse tipologie di acne?

A seconda della prevalenza del tipo di lesioni si individuano 4 tipi di acne:

  • lieve o comedonica (con prevalenza di comedoni)
  • papulo – pustolosa (è la forma più frequente con prevalenza di papule e pustole)
  • nodulo – cistica (<10% dei casi, con noduli e cisti sottocutanee che possono provocare esiti cicatriziali)
  • conglobata (la forma più grave di acne, con lesioni nodulo-cistiche, che perdura fino ai 30 anni, con formazione di gravi esiti cicatriziali)

 

La diagnosi

La diagnosi dell’acne è di competenza del dermatologo. Consta di un percorso nel quale si interpretano dei segni caratteristici di questa malattia, per incasellarla in un contesto specifico che varia in base:

  • al tipo di acne (comedonica, papulo-pustolosa, nodulo cistica, nodulare, conglobata, mista)
  • al grado di severità di ciascun tipo di acne (lieve, moderata, severa, fulminans)
  • ad eventuali condizioni sistemiche associate (nella donna), come alterazione del metabolismo ormonale ovarico o surrenalico, presenza di ovaio micropolicistico (PCO)

 

Il trattamento

Una tempestiva e corretta scelta della terapia, personalizzata in base al tipo di paziente e di acne, permette di curare la malattia, prevenendo gli esiti cicatriziali permanenti.

 

La Clinica Regina Salutis offre, come ausilio terapeutico, l'utilizzo della Tecar-Sin: una serie di sedute con questo elettromedicale, combinate con la terapia prescritta dal dermatologo, porterà a risultati immediati già dalle prime sedute.

 

 

Trattamenti estetici tramite P.R.P. - Plasma Ricco di Piastrine

 

 

P.R.P. è una biorivitalizzazione nella quale vengono utilizzate sostanze proprie del paziente (autologhe) opportunamente trattate e reinserite nelle aree che si intende ringiovanire:

  • volto
  • collo
  • décolleté
  • dorso delle mani
  • cuoio capelluto (nei casi di alopecia androgenetica)

con risultati davvero importanti.

La tecnica usuale per infiltrare P.R.P. si basa su piccole iniezioni fatte a breve distanza l’una dall’altra (circa 1 cm).

 

 

Tale trattamento, associato a terapia con elettromedicale Tecar-Sin, risulta un valido aiuto per il trattamento dell'alopecia (riduzione/scomparsa di capelli).

 

Trattamenti per il sorriso

Non è un fattore puramente estetico: il sorriso è importante perché:

  • rafforza i legami sociali
  • dona una sensazione di benessere a noi e agli altri
  • ci fa apparire persino più belli
  • rende più efficaci le relazioni interpersonali
  • aumenta le possibilità di successo quando ci rapportiamo con una persona (ad esempio durante un appuntamento o un colloquio di lavoro)

e questi sono solo alcuni dei motivi per cui è fondamentale prendersi cura del proprio sorriso.

 

Perché è importante avere un bel sorriso 

"A volte la tua gioia è la fonte del tuo sorriso, ma a volte il tuo sorriso può essere la fonte della tua gioia" - Thích Nhat Hanh)

Diversi studi hanno appurato che il linguaggio corporeo ha un ruolo fondamentale nella comunicazione. Le parole riescono a trasmettere solo un 7% del messaggio che stiamo veicolando. Tutto il resto è legato alle nostre espressioni, allo sguardo, al tono di voce e ai gesti, incluso il sorriso. Basti pensare alle terapie del sorriso utilizzate negli ospedali. Sorridere, e far sorridere, attiva risposte neurologiche molto potenti e funziona da antidepressivo e antidolorifico, stimolando persino il sistema immunitario. Genera un rilassamento muscolare, migliora l’ossigenazione dei tessuti e la circolazione del sangue verso il cuore e i polmoni. Quello che si avverte è una sensazione di benessere generale.

 

Sorridere:

  • aumenta l’autostima
  • ci fa sentire più sicuri di noi stessi
  • influenzando il modo in cui ci rapportiamo con gli altri

 

Essere consapevoli di poter sorridere senza imbarazzo e mostrare a tutti la bellezza del sorriso ci regala in partenza una marcia in più per il raggiungimento dei piccoli e grandi traguardi di ogni giorno.

Ecco che abbiamo ben chiara l’importanza del sorriso, e perché non dovremmo mai dimenticarci di prenderci cura del nostro aspetto. Scopriamo adesso come fare per valorizzarlo.

Non è poi così difficile ritrovare un sorriso smagliante!

Prenderci cura della bocca e dei denti, per renderli più belli e mantenerli in salute, è compito nostro. Ora abbiamo capito perché è così importante. Non conta solo l’estetica: è un vero e proprio atteggiamento che ha ripercussioni su tutti noi stessi.

Se non ti senti soddisfatto di te, vorresti avere denti più bianchi, più dritti o vorresti sistemare un disturbo che non ti fa sentire a tuo agio, non esitare a chiamarci per un consulto gratuito con uno specialista esperto. Una semplice visita clinica è un piccolo passo che potrebbe farti diventare una persona nuova.

E se siamo già soddisfatti di noi? Non trascuriamoci mai! Le visite di controllo periodiche e le sedute di igiene dentale sono l’arma che ci consente di mantenere negli anni la salute e il nostro bell’aspetto.

 

 

Un bel sorriso, sano e splendente, è un grado di ringiovanire drasticamente il viso di una persona. 

Inutile pensare ad ottenere delle labbra carnose quando poi sorridendo le carte in tavola cambiano drasticamente.

Per la salute e l'estetica del vostro sorriso, la Clinica Regina Salutis offre un team di esperti che potranno supportarvi:

  • nel miglioramento e nel mantenimento di una corretta igiene orale: la base fondamentale per la salute dei denti e delle gengive, e quindi per un bel sorriso
  • in trattamenti di sbiancamento dentale, tramite metodica laser che, a differenza di altre tecniche di sbiancamento, vi consentiranno in una sola seduta di ottenere un sorriso più luminoso senza alcun effetto collaterale
  • in trattamenti di plastica estetica del sorriso, da esegursi in un'unica seduta con tecniche totalmente indolori
  • in trattamenti parodontali di rigenerazione gengivale, nei casi dove si sia perso tessuto gengivale creando delle antiestetiche "finestre nere" fra un dente e l'altro"
  • in trattamenti di allineamento dentale completamente invisibili, rapidi, non dolorosi né fastidiosi
  • nell'applicazione di glitter dentali, per rendere il vostro sorriso ancor più "prezioso"

 

Lo sbiancamento dentale è un trattamento estetico molto richiesto; come tale ha ormai assunto una notevole rilevanza sia in ambito domestico che in quello professionale. Denti bianchi e sani rappresentano, infatti, una delle caratteristiche estetiche più ambite e ricercate.

Oggigiorno vengono proposte molteplici tecniche di sbiancamento, sia professionale che domiciale: per ottenere un sorriso più luminoso nel rispetto della salute dei denti consigliamo però di far riferimento solo a professionisti.

Non affidatevi a tecniche domiliari più o meno valide scientificamente come:

  • dentifrici sbiancanti
  • paste nere da applicare in bocca
  • mascherine sbiancanti
  • siringhe con gel sbiancanti
  • attivatori luminosi da applicare in bocca
  • striscette sbiancanti
  • rimedi fai da te (buccia di limone, polpa di fragola, foglie di salvia, etc.): anche questi interventi, infatti - da molti considerati innocui perché naturali - presentano insidie legate alla loro acidità o al potere abrasivo

 

 

Per il raggiungimento di un sorriso splendente basta, il più delle volte, un'unica seduta di sbiancamento dentale professionale!

 

In cosa consiste lo sbiancamento dentale professionale?

 

 

Quando si parla di sbiancamento professionale, ci si riferisce al cosiddetto bleaching, ossia allo sbiancamento effettuato alla poltrona mediante l'uso di agenti chimici sbiancanti che possono essere attivati o meno da eventuali sorgenti luminose.

Lo sbiancamento professionale deve essere effettuato sempre e solo in ambulatori dentistici direttamente dall'odontoiatra.

Naturalmente, lo sbiancamento professionale risulta essere più efficace di quello domiciliare in termini di velocità e grado di sbiancamento ottenuto, ma soprattutto, se eseguito in termini di eccellenza, non risulterà dannoso per gli elementi dentali.

 

Lo sbiancamento dentale è doloroso? 

Le tecniche di sbiancamento dentale, se ben eseguite, non sono dolorose. 

Ciò nonostante è da sottolinerare come alcune tecniche siano irrispettore del tessuto smalto del dente e portino, quindi, ad importanti effetti collaterali quali sensubilità dentale al caldo e al freddo, fino a parlare addirittura di "scosse". Questo per il fatto che molti operatori non utilizzano tecnologie d'eccellenza.

Diffidate quindi da sbiancamenti dentali proposti a prezzi particolarmente accattivanti: non ha senso creare delle sintomatologie per ottenere un sorriso più chiaro. 

Non affidatevi a:

  • trattamenti con bicarbonato: questo esegue un'azione di sbiancamento meccanico, andando a sfregare e quindi anche consumare lo smalto dentale, ovvero lo strato superficiale di rivestimento del dente.

Si pensi che si eseguono trattamenti al fluoro per stimolare la mineralizzazione dello smalto e combattere così la sensibilità dentale e prevenire l'insorgenza di lesione cariose... non è consigliabile andarlo a consumare per finalità estetiche!

Consigliabile, qundi, affidarsi a trattamenti che sfruttino l'applicazione di agenti chimici, ma attenzione: anche qui ci sono fondamentali differenze fra i trattamenti proposti e molto spesso vengono utlizziate tecniche lesive per lo smalto!

 

Non affidatevi a:

  • trattamenti con agenti chimici applicati con mascherina: la loro azione, non venendo potenziata dall'utilizzo di sorgenti luminose, per raggiungere un effetto soddisfacente richiederà un tempo di applicazione significativo, che porterà anche a effetti negativi sullo smalto dentale con importanti effetti collaterali di sensibilità dentale
  • trattamenti con agenti chimici potenziati da semplice lampada luminosa: la potenza di tale lampada non sarà comunque in grado di raggiungere un effetto soddisfacente nei tempi adeguati a rispettare il tessuto smalteo del dente, causando quindi effetti collaterali di sensibilità dentale, anche importante

 

 

Al fine di ottenre un sorriso più chiaro e luminoso senza ledere il tessuto dentale è necessario affidarsi allo sbiancamento con tecnica LASER: questo garantirà il massimo del risultato senza alcun effetto collaterale.

 

In cosa consiste?

Questo particolare tipo di trattamento prevede l'uso di perossido d'idrogeno ad alte concentrazioni che - una volta applicato sulla superficie dentale - viene irradiato con un laser ad una lunghezza d'onda ben precisa. Il gel di perossido d'idrogeno viene così attivato dal calore generato dall'irradiazione e rilascia radicali liberi che sono in grado di penetrare nella struttura del dente. In questo modo, all'interno del dente si innescano reazioni di ossidoriduzione che scompongono le molecole delle macchie in composti più piccoli, incolori e facilmente eliminabili. 

Nelle sedute di sbiancamento senza LASER:

  • il paziente viene lasciato per lungo tempo con il gel sbiancante sui denti sotto una grossa lampada a led (un pò come le signore quando fanno la permanente dal parricchiere)
  • il paziente viene lasciato molto spesso nella stanza da solo
  • il paziente non viene in genere sottoposto ad ulteriori terapie aggiuntive di miglioramento  della salute dello smalto del tessuto gengivale

Lo sbiancamento, se non adegutamente gestito dall'operatore, può causare infiammazione delle gengive, delle labbra e dei margini delle guance, se il gel a base di perossido d’idrogeno viene in contatto con questi tessuti.

 

 

Presso la Clinica Regina Salutis solo trattamenti sbiancanti di eccellenza senza alcun effetto collaterale!

  • il paziente non viene mai lasciato solo
  • se necessario, viene eseguita una seduta di igiene orale professionale: prima di procedere con qualsivoglia metodica di sbiancamento, è necessario eseguire un'accurata detartrasi allo scopo di rimuovere tartaro, placca ed eventuali pigmentazioni esterne. Si ricorda che tale procedura deve di regola essere eseguita ogni sei mesi (in paziente sano) a pescindere dallo sbiancamento: eseguire sedute di igiene orale professionale è l'unico modo per mantenere in salute la propria bocca, garantendo così un bel sorriso
  • viene applicato un supporto per la lingua e per le labbra che consenta al paziente di stare comodamente a bocca aperta senza affaticarsi per tutto il tempo necessario
  • le gengive vengono protette tramite l'accurata applicazione di una maschera di protezione che andrà posizionata dall'operatore seguendo tutto il margine gengivale, per poi essera attivata con una lampada led per divenire dura e robusta come una piccola corazza: in tal modo non vi sarà alcuna irritazione gengivale. Da notare come questo passaggio risulti fondamentale per non incorrere in fastidi gengivali: l'attenzione e la manualità dell'operatore fanno la differenza! Presso la nostra Clinica gli operatori hanno ben a cuore il vostro comfort
  • gli elementi dentali da sbiancare vengono singolarmente irradiati tramite una punta LASER che garantisce la miglior attivazione del gel sbiancante e quindi abbatte i tempi alla poltrona, garantendo così l'integrità dello smalto
  • gli elementi dentali sbiancanti vengono subito trattati con fluoro, a sua volta attivato dal LASER, al fine di promuovere la mineralizzazione dello smalto, che risulterà quindi a fine seduta più robusto e non indebolito
  • gli elementi dentali e il tessuto gengivale vengono sottoposti a trattamento con ozono, indolore e non fastidioso (applicazione aria ozonizzata sui tessuti da trattare) per garantire un miglioramento della sensibiltà dentale anche nei pazienti che prima del trattamento presentavano questa problematica e per annullare ogni eventuale tipo di possibile irritazione gengivale

 

Quanto dura operativamente la seduta di sbiancamento? 

In tutto, un po' meno di un'ora.

 

Quanto dura l'effetto dello sbiancamento dentale?

L'effetto dello sbiancamento dentale dura quanche anno, circa 1-2: questo perché le cellule dello smalto tendono nel tempo a rigenerarsi e pigmentarsi.

 

Possono eseguirlo tutti?

Asslutamente sì. 

Non esistono:

  • limiti di età (anche se si consiglia di eseguirlo in pazienti che abbiamo già tutta la dentatura permanente da circa 12 anni)
  • problematiche per nessun tipo di patologia
  • controindicazioni con l'utilizzo di altri farmaci

 

Si sconsiglia di eseguire lo sbiancamento durante la gravidanza.

 

L'unico limite è che lo sbiancamento ha effetto solo sul dente naturale, mentre non ha effetto su manufatti protesici.

 

Lo sbiancamento garantisce l'ottenimento di una dentatura ultra bianca? 

Bisogna fare attenzione a cosa si intende per denti bianchi: oggigiorno i Media ci propongono degli stereopiti televisivi di denti bianchi innaturali, ottenuti tramite:

  • modifiche computerizzate dell'immagine
  • applicazione sugli attori di faccete in ceramica

Solo l'applicazione di una faccetta in ceramica potrà garantire il colore "bianco tazzina da caffè", ma noi sconsigliamo questa procedura, in quanto:

  • più invasiva
  • assai più costosa
  • dai risultati estetici innaturali
  • con rischi di incogruenze estetiche nel rapporto dente-gengiva durante l'invecchiamento

Lo sbiancamento dentale realizzato presso la nostra Clinica garantisce, in un'unica seduta, l'abbassamento di un tono colore del dente.

 

 

Cosa significa?

Ogni persona è unica e, di conseguenza, anche il colore dei denti è unico. Pertanto, non esiste un unico sistema standard nel campo dentale per misurare e determinare il colore esatto all'interno della scala dei colori dei denti. Tuttavia, uno strumento di riferimento comunemente utilizzato nelle cliniche dentali è la scala colori denti che viene anche chiamata scala colori vita. 

 

 

La scala cromatica colore denti rappresenta il colore dei denti naturali: ogni persona presenta una caratteristica colorazione di dente, che è possibile ricondrurre a 16 gradazioni presenti nella scala colori. Nello specifico, la scala colori denti (scala colori vita) suddivide i diversi colori per:

  • tonalità (A - D), in cui i denti vengono classificati secondo quattro gamme di colori di base:
    • A (marrone rossastro)
    • B (giallo rossastro)
    • C (grigio) 
    • D (grigio rossastro)
  • intensità (1 - 4)

Il colore medio di un dente è A3, ed è considerato un colore normale visto e considerato che circa il 70% della popolazione ha dei denti naturali che rientrano proprio in questo intervallo. Si può riscontrare, nei soggetti giovani, il colore A2.

L’obiettivo dei diversi trattamenti di sbiancamento dovrebbe essere quello di ripercorrere la scala da destra verso sinistra, ovvero andare dal colore più scuro a quello più chiaro. Con lo sbiancamento dentale è possibile raggiungere l'intensità di colore 1: quindi un paziente che si presenti con un colore A2 potrà in un'unica seduta raggiungere il miglior risultato possibile in natura. 

Per persone con tonalità e intensità importanti si otterrà da subito un ottimo risultato ma se si vuole ottenere un'intensità 1 potrebbe essere necessaria una seconda seduta di sbiancamento, ripetibile dopo circa un mese dalla prima. 

 

Le tonalità che sono spesso indicate come tonalità Hollywood, invece, sono più bianche di qualsiasi dente naturale: se con i trattamenti di sbiancamento dei denti è impossibile raggiungere gamme di colore così nette, ci sono altri tipi di trattamenti che possono offrire il passaggio a denti più bianchi, come le faccette dentali. Come abbiamo detto, queste risultano:

  • più costose
  • più impegnative nella gestione a lungo termine
  • l'unico metodo per ottenere i denti veramente bianchi

 

 

In natura, il colore della foto sopra non esiste!

 

Ricostruzioni estetiche del sorriso

 

 

Se oltre al colore dei denti:

  • non vi soddisfa la loro forma
  • notate piccole asimmetrie
  • volete correggere lievi rotazioni dentali senza l'utilizzo di apparecchi ortodontici
  • avete un dente danneggiato
  • volete chiudere un piccolo spazio fra i denti
  • volete chiudere uno spazio nero dato dal riassorbimento della gengiva
  • volete coprire i colletti dentali (radici esposte con difetti estetici e sensibilità dentale)
  • volete riparare delle erosioni dentali

potete ricorrere al supporto dello specialista con cui potrete programmare due tipologie di intervento:

  • ricostruzione estetica degli elementi dentali 
  • applicazione di faccette in ceramica

 

La ricostruzione estetica degli elementi dentali prevede l'applicazione additiva di una serie di strati di materiale composito estetico. 

 

 

Vantaggi:

  • non richiede la preparazione del dente (taglio del dente o incisioni)
  • non richiede anestesia
  • è completamente indolore
  • sfrutta materiale biocompatibile
  • è resistente
  • consente di migliorare la forma del dente
  • consente di simulare la correzione della rotazione del dente
  • consente di adattare la forma del dente ad eventuali spazi neri lasciati da perdita di gengiva
  • consente di variare il colore del dente
  • consente di uniformare il colore del dente, eliminanto eventuali macchie date da imperfezioni dello smalto
  • offre la possibilità al paziente di valutare il risultato del lavoro durante la seduta, richiedendo eventuali variazioni secondo il proprio gusto personale
  • dura nel tempo
  • garantisce la continuità del rapporto dente gengiva
  • crea meno problematiche nelle fasi di invecchiameto, dove è possibile che si retragga leggermente la gengiva
  • se necessario col passar degli anni, il lavoro può essere ripreso e rigenerato in un'unica seduta
  • è più economico rispetto alle faccette in ceramica
  • materiale che possiede tante sfumature grazie alle quali si può ottenere un risultato naturale ed esteticamente perfetto

 

Svantaggi:

Non sarà possibile ottenere la tonalità colore Hollywood.

 

Applicazione di faccette in ceramica

 

 

Le faccette sono delle sottili lamine in ceramica (con uno spessore molto sottile che può andare da 0,5 a 0,7 millimetri) che vengono incollate sulla superficie esterna dei denti anteriori dell’arcata superiore e/o inferiore. Le faccette sono utili a modificare la forma, il colore, la lunghezza e la posizione dei denti naturali; possono sbiancare e rendere i denti splendenti come non mai: con esse è possibile ottenere un sorriso completamente bianco, decidendo di richiedere la famosa tonalità colore Hollywood.

 

Vantaggi:

Con lo sbiancamento si raggiungono ottimi risultati, ma più di tanto non si riesce ad ottenere - motivo per cui si ricorre alle faccette. Inoltre, il candore dei denti ottenuto con lo sbiancamento non è stabile nel tempo ed è molto influenzabile dall’alimentazione. Lo sbiancamento necessita di sedute di mantenimento ogni due anni. Invece, il colore e il candore delle faccette dentali (faccette denti bianchi) in ceramica sono stabili nel tempo e non richiedono particolare manutenzione.

 

Svantaggi:

  • più invasiva
  • maggiori sedute e tempi più lunghi
  • più costosa
  • dai risultati estetici innaturali (lo sottolineiamo sempre, anche se ottenere un sorriso completamente bianco può essere il vero obiettivo del paziente)
  • con rischi di incogruenze estetiche nel rapporto dente-gengiva durante l'invecchiamento

 

 

Quando si possono fare?

Le faccette possono essere realizzate quasi sempre ma ci sono delle situazioni in cui, anziché le faccette, è meglio realizzare delle corone totali. Per esempio quando i denti sono molto decolorati o quando sono intaccati da processi cariosi estesi. Inoltre, non si possono fare le faccette per evitare che si rompano in quelle situazioni in cui l’occlusione (masticazione) è sfavorevole.

 

Quali sono le procedure? Quante sedute occorrono per realizzare le faccette dentali?

Sono necessarie quattro sedute:

  1. nel corso della prima visita facciamo le foto, le radiografie e rileviamo delle impronte preliminari che ci servono per studiare il caso e la soluzione estetica ottimale
  2. nella seduta successiva, senza toccare in alcun modo i denti, facciamo delle prove estetiche, il cosiddetto mock-up (faccette provvisorie rimovibili). Con il mock-up analizziamo l’estetica che vogliamo ottenere con le faccette definitive. Queste valutazioni le facciamo insieme al paziente che in questa fase è il nostro principale collaboratore e alleato. Se ci sono da fare delle modifiche, (accorciare, allungare, etc.) le facciamo in questa seduta. Se tutto è okay per noi e per il paziente, fotografiamo il risultato ottenuto, rimuoviamo il mock-up e concludiamo la seduta
  3. nell’appuntamento successivo prepariamo i denti interessati dalle faccette di 0.5-0.7 mm, prendiamo delle impronte e cementiamo provvisoriamente le faccette dentali provvisorie in resina che nel frattempo l’odontotecnico ci avrà preparato
  4. dopo 10-15 gg, l’odontotecnico realizza le faccette definitive in ceramica o in composito che cementiamo, con materiali adesivi, definitivamente al posto delle faccette provvisorie

 

 

Le faccette dentali possono staccarsi o rompersi?

Se la cementazione (applicazione faccette dentali) viene eseguita in modo corretto e con materiali adesivi non c’è il pericolo che possono staccarsi. L’importante è ovviamente utilizzare sempre materiali di qualità.

 

Quanto durano le faccette dentali?

Le faccette dentali sono una soluzione duratura ma per mantenere il risultato più a lungo possibile, sono necessarie una serie di condizioni come lavare i denti almeno ogni 12 ore, usare il filo interdentale ogni giorno, eseguire la pulizia professionale periodica in studio (ogni 6 mesi).

In sintesi, possiamo riassumere che, a determinare la durata delle faccette dentali come del resto per tutti i trattamenti odontoiatrici, concorrono tre fattori:

  1. la professionalità dell’odontoiatra
  2. la qualità dei materiali utilizzati dal dentista e dall’odontotecnico
  3. la cura da parte del paziente

 

Applicazione dei brillanti dentali 

Alle nostre pazienti di tutte le età riserviamo un'ulteriore occasione per rendere ancora più bello il proprio sorriso: un brillantino.

L'applicazione del brillantino non presenta nessuna controindicazione: i brillantini dentali, o sky dentali, sono un ornamento che si colloca sul dente per dare un aspetto creativo ed estetico al sorriso, abbellendolo e rendendolo più divertente. Oltre a focalizzare l'attenzione sul sorriso, può essere utilizzato per coprire piccoli difetti. Può essere applicato più di un brillantino.

 

Estetista, kit fai da te o dentista?

Spesso centri estetici offrono il servizio di “incollatura” di piercing dentali ai denti, e in commercio si trovano diversi kit per incollare lo strass. In ogni caso consigliamo di rivolgerti a professionisti: nel caso in cui si decida di rivolgersi ad altre professionalità per applicazione di uno strass sul dente è bene sapere che c’è la possibilità in incorrere in alcuni rischi come:

  • il danneggiamento dello smalto
  • contrazione di malattie infettive a causa di strumenti non ben sterilizzati
  • nessuna copertura assicurativa in caso di danni durante l’applicazione
  • distacco precoce

 

Affidatevi solo a personale altamente qualificato (odontoiatria)!

 

Fa male mettere il brillante? Si deve forare il dente?

La sua posa è indolore e non provoca nessun tipo di lesione al dente. Non è un piercing, in quanto non è necessario forare il dente, visto che utilizza un adesivo speciale per il suo attaccamento al dente. 

 

Quanto dura?

Fino a quanto lo desideriamo.

 

É possibile mangiarci tutto?

Certamente, senza alcun problema.

 

Quando lo si vuole togliere? Il dente resterà rovinato?

Assolutamente no.

Viene applicato ocn una colla particolare che:

  • non creerà alcuni tipo di problematica
  • non favorirà la formazione di carie
  • è completamente rimovibile in qualsiasi momento, senza alcun danno

 

Vi è un limite di età?

Assolutamente no. Si può mettere anche nelle bambine, le quali anzi saranno entusiaste del loro "prezioso" sorriso.

 

I costi solo elevati?

Si parla dei prezzi accessibili a tutti, differentemente dai gioelli dentali veri e proprio, realizzati su richiesta dei pazienti con oro e/o pietre prezione: taluni di questi possono diventare dei veri investimento.

 

Sarebbe quindi possibile attaccare al dente anche un diamante vero?

Volendo sì, ma questo tipo di operazione e prevede una vera e propria foratura nella quale verrà poi incastrato il brillante.

Noi sconsigliamo di sottoporsi a questo tipo d’intervento, non solo perché è più invasivo e meno conservativo di una semplice procedura adesiva, ma anche perché sarà più complicato rimuovere il punto luce in caso ci si stanchi di avere un diamante al dente che di fatto rimane bucato.

Infatti, una volta rimosso il brillante, ci troveremo di fronte ad una cavità nel dente che dovrà essere otturata come una classica carie. Infatti l’unico modo per risolvere questa situazione è procedere con un’otturazione, ma di conseguenza il dente non sarà più come prima.

 

Ben diversi dai simpatici e innocui brillanti dentali sono i piercing: essi infatti possono essere causa di danni e patologie.

 

Cosa possono provocare?

Sia i piercing al labbro che quelli alla lingua sono associati al rischio di recessione gengivale, e il piercing alla lingua anche alle lesione ai denti.

 

Ma quale è l’incidenza?

Chi decide di farsi un piercing al labbro quadruplica il rischio di incorrere in una recessione gengivale; chi sceglie un piercing alla lingua, oltre ad aumentare il rischio di recessione di quasi tre volte, raddoppia anche quelle di incorrere in fratture, scheggiature, crepe e abrasioni dentali.

 

Ma sono anche altri i rischi associati al piercing orale:

  • infezioni: la nostra bocca contiene milioni di batteri che, dopo un piercing orale, possono causare infezioni. Maneggiare il piercing, una volta inserito nella bocca, può causare infezioni
  • emorragia prolungata: un vaso sanguigno punto dall’ago durante il piercing può causare un’emorragia difficile da controllare
  • dolore e gonfiore: il dolore e il gonfiore sono sintomi comuni di un rigetto organico del piercing orale
  • interferenza con le normali funzioni orali: un piercing nella bocca può causare eccessiva produzione di saliva, interferire con la naturale capacità di pronunciare le parole correttamente e causare problemi di masticazione e deglutizione
  • malattie a trasmissione ematica: diverse Autorità Sanitarie a livello internazionale identificano il piercing orale come possibile fattore di trasmissione dell’epatite B, C, D e G
  • endocardite: il piercing orale può essere associato al rischio di endocardite, un’ infiammazione delle valvole o dei tessuti cardiaci. La ferita provocata dal piercing, infatti, può permettere ai batteri che si trovano nella bocca di entrare nel sangue e di raggiungere il cuore

Prima di farsi un piercing orale è consigliabile consultare il proprio dentista per avere maggiori informazioni sui rischi che si corrono e indicazioni su come prevenire possibili danni.

 

La soluzione agli inestetismi della cellulite

La cellulite (Panniculopatia Edemato Fibro Sclerotica) è una patologia del connettivo sottocutaneo, dovuta principalmente ad un’alterazione del microcircolo, In alcuni casi possono insorgere altre cause patogenetiche che ne determinano l’evoluzione in senso patologico e clinico.

Varie sono le cause favorenti l’insorgenza della malattia: fattori genetico-costituzionali, il sesso (quasi esclusivamente femminile), i disordini alimentari qualitativi e quantitativi, le turbe digestive e intestinali (stipsi), gli atteggiamenti posturali viziati, la vita sedentaria, lo stress, il tabacco e l’apporto idrico insufficiente.

 

Presso la Clinica Regina Salutis potrete scegliere una o più combinazioni terapeutiche per combattere la sgradevole problematica della cellulite con risultati visibili fin dalle prime sedute.

  • trattamento cellulite tramite TECAR-SIN
  • trattamento cellulite tramite ozonoterapia
  • massaggi drenanti
  • supporto nutrizionale contro la ritenzione

 

Trattamento cellulite tramite TECAR-SIN

Eliminare cellulite e accumuli adiposi con la sensazione di un caldo e rilassante massaggio: oggi si può grazie a trattamenti medici completamente indolori che vi garantiscono un miglioramento immediato con risultati apprezzabili già dalla prima seduta.

TECAR-SIN è la metodica innovativa per la cura della cellulite: consente di riattivare i normali processi fisiologici del metabolismo tissutale, trasferendo energia biocompatibile senza proiezione di energia radiante all'esterno, con conseguente rivascolarizzazione delle aree danneggiate e ripristino del normale metabolismo.

La tecnologia all’avanguardia di TECAR-SIN offre la possibilità di eseguire singolarmente o abbinare tre tipi di trattamento: TECAR onda pressoria veicolazione transdermica risultando pertanto adattabile alle diverse situazioni cliniche. Tramite l’erogazione di una stimolazione meccanica ad altra frequenza ha effetti immediati con:

  • miglioramento del microcircolo venoso e linfatico
  • aumento del metabolismo tissutale
  • fibrinolisi e assorbimento dei liquidi in eccesso


Il tutto senza l’utilizzo di aghi o farmaci. La terapia risulta completamente indolore e priva di effetti collaterali.

 

Trattamento cellulite tramite ozonoterapia

L’ossigeno-ozono-terapia, ormai da molti anni, riveste un ruolo di primo piano nel trattamento della cellulite, grazie alla capacità di modificare, da un punto di vista biochimico, le cause della patogenesi della malattia stessa.

L’ozono si lega infatti ai doppi legami di carbonio delle catene lunghe degli acidi grassi e le spezza, le catene lunghe vengono scisse in catene brevi (idrosolubili) che possono essere eliminate attraverso il circolo venoso e quello linfatico. Inoltre, l’aumento della deformabilità dei globuli rossi dovuto all’ozono ne facilita il transito attraverso i capillari, tale fenomeno unito all’aumento del 2.3 di fosfoglicerato porta ad una migliorata irrorazione tissutale con maggiore disponibilità di ossigeno e quindi un migliore trofismo del tessuto sottocutaneo. 

Uno studio molto accurato ha valutato i risultati mediante R.M, che ha consentito di dimostrare, già alla decima seduta di ossigeno ozonoterapia, una riduzione della circonferenza dell’arto inferiore con successiva ulteriore conferma alla quindicesima. Inoltre ha consentito di apprezzare come dopo il trattamento con  sia dimostrabile un incremento di segnale di flusso circolatorio nei tessuti trattati, indice dell’azione diretta della miscela gassosa sul microcircolo. Clinicamente, parimenti ai dati sperimentali, si può sottolineare come, durante il trattamento, si realizzi un progressivo miglioramento del tono cutaneo ed una riduzione del senso di pesantezza degli arti inferiori, avvertito dalle pazienti prima della terapia.

Concludendo, alla luce dei risultati diagnostici, R.M. e clinici, si può affermare che l’ossigeno-ozono-terapia sia una metodica estremamente efficace nel trattamento della cellulite (P.E.F.S), non solo per la possibilità di contribuire ad una riduzione, in termini di volume del tessuto edemato-fibro-sclerotico, ma in quanto in grado di portare ad un miglioramento del microcircolo, contribuendo in maniera determinante, alla rimozione di una delle cause fondamentali della formazione e della evoluzione della cellulite.

Tutte queste terapie possono essere associate a massaggi drenanti (svolti solo da personale medico specializzato) che ne ottimizzeranno l'effetto.

 

Supporto dietologia: per combattere la ritenzione idrica

Per sentirsi bene a 360° è possibile appoggiarsi da noi presso un tecnico esperto che vi potrà aiutare sia a perdere peso sia nella valutazione di un corretto regime alimentare per bambini in crescita e per i genitori.

Lo scopo non deve essere principalmente il raggiungimento di uno standard estetico, oggigiorno fin troppo commercializzato, bensì la salute e il benessere della persona.

No alle ossessioni, sì al benessere fisico!

 

Trattamento smagliature

La formazione delle smagliature può dipendere da diversi fattori, tra cui anche la semplice crescita. Questo spiega perché iniziano a vedersi già sulle ragazze (ma anche su alcuni ragazzi) che stanno per entrare nella pubertà: non c’è nulla di male, si sta solamente crescendo e, nei casi in cui lo sviluppo è rapido, questi inestetismi si possono tranquillamente verificare!
Altri fattori che aumentano la predisposizione ad averle consistono ad esempio in grandi variazioni di peso, sia in perdita che in aumento, o semplicemente una gravidanza, per la quale la pelle dell’addome è “tirata” in un arco di tempo relativamente breve.


In caso di insorgenza di smagliature rivolgetevi subito al nostro Centro, il quale vi potrà proporre il pacchetto di trattamento più adatto al vostro inestetismo.

Pacchetto gravidanza

Siete in dolce attesa? Godetevi questo fantastico momento anche prendendovi cura del vostro corpo, ovviamente senza rischi per il vostro bambino!

La cellulite durante la gravidanza è uno di quei disturbi che molte donne devono tenere in considerazione quando si aspetta un bambino. Aumentando di peso è possibile che, sia sulle gambe che su altre parti del corpo, durante i nove mesi di gestazione, possa apparire la fastidiosa pelle a buccia d’arancia.

La sua comparsa dipende molto anche dall’età della gestante, nonchè da una predisposizione individuale. La cellulite nasce spesso a causa di una cattiva circolazione e, durante la gravidanza in cui si accusano diversi disturbi, la circolazione sanguigna del corpo si modifica e peggiora a causa del sovrappeso e della stanchezza della donna che quindi si muoverà anche di meno e ne sarà inevitabilmente favorita la cattiva circolazione. Delle soluzioni per prevenire e curare però ci sono, ecco qualche consiglio utile.

  • bere tanta acqua: primo fra tutti i rimedi che danno medici e specialisti è bere tanta acqua. L’acqua infatti combatte la ritenzione idrica ed il gonfiore e quindi aiuta il sangue a scorrere meglio oltre a depurare l’organismo. Meglio sempre scegliere un’acqua oligominerale naturale povera di sali, in particolare di sodio che favorisce la ritenzione idrica. Ogni giorno bisognerebbe bere circa un litro e mezzo - due d’acqua, in particolare non durante i pasti
  • curare l'alimentazione: come sempre è un fattore importante per la salute del nostro fisico e in particolare in gravidanza. Preferite sempre della frutta a cibi confezionati. In genere una dieta anti-cellulite deve essere equilibrata, varia e con pochi grassi, ideale anche in gravidanza e in allattamento. Molto importante è anche il consumo di cereali, pesce e verdure. Un occhio particolare ai latticini per cui è bene non esagerare, ad alcuni zuccheri e soprattutto al sale poiché facilitano la ritenzione di liquidi
  • fare movimento: sembrerà strano, ma anche in gravidanza il corpo deve fare esercizio altrimenti la ripresa dopo il parto sarà durissima. Le attività che si potranno fare ovviamente saranno dolci e le più indicate sono quelle da fare in acqua come il nuoto o lo yoga o la ginnastica apposita per donne incinte. Il movimento favorisce la buona circolazione e quindi limita il formarsi della cellulite
  • smettere di fumare: il fumo provoca vasocostrizione (i capillari sanguigni si restringono) e riduce così l'apporto di ossigeno alle cellule, anche a quelle dei tessuti delle gambe. Inoltre, fumare in gravidanza danneggia non solo la nostra salute, ma anche quella di nostro figlio
  • evitare tacchi alti: indossate scarpe con tacco di 3-4 centimetri; quelli più alti rendono difficile la risalita di sangue e linfa, rallentando così il drenaggio tossinico
  • massaggi drenanti e trattamenti elettrodomestici con creme anticellulite

Presso la Clinica Regina Salutis, le donne in dolce attesa potranno accedere a pacchetti di trattamenti TECAR-SIN contro la cellulite con sconti riservati alle future mamme.

Contattaci anche per interventi sulle smagliature!