Ciao!

Hai bisogno di assistenza? Siamo a tua disposizione per qualsiasi tua richiesta.

Chiamaci ora
Orario Continuato
Visite su appuntamento
Ciao, come possiamo aiutarti?
×
Contattaci

ORTODONZIA DELL'ADULTO

  • HOME
  • SERVIZI
  • ORTODONZIA DELL'ADULTO

Vi è un limite di età per eseguire una terapia ortodontica?

Assolutamente no.

Nell’immaginario collettivo, si ritiene che l’apparecchio ortodontico sia utilizzabile solo in età pediatrica o adolescenziale.

In realtà, però, non è così! Non è detto, infatti, che anche se ormai si è adulti non si possa ottenere comunque un sorriso smagliante e sano.

Non vi è mai un limite di età per migliorare la propria salute e, perchè no, l'estetica del proprio sorriso. È possibile anche per un adulto seguire un trattamento ortodontico, il quale dovrà tenere conto innanzitutto delle esigenze funzionali del paziente ma anche delle esigenze estetiche che una persona adulta può presentare, desiderando di non far vedere l’apparecchio ortodontico.

L’ortodonzia – ossia la disciplina che si occupa di raddrizzare i denti – è una branca specialistica dell’odontoiatria, e ormai la sua applicazione anche in età adulta è sempre più comune. Si parla di ortodonzia in età adulta quando la dentizione permanente e la crescita delle ossa del cranio (in particolare delle ossa mascellari) è ormai completa.

Mentre nei bambini e adolescenti si può quindi intervenire anche sulla crescita delle ossa, ciò non è possibile negli adulti.*

Essendo infatti la crescita ossea terminata, con l’apparecchio ortodontico posizionato in età adulta si può intervenire solamente sui movimenti dentali. Nonostante ciò, soprattutto se ci si affida a mani esperte, i risultati al termine del trattamento possono essere comunque ottimi.

*Per questa ragione, consigliamo a tutti i genitori di far eseguire visite specialistiche ortognatodontiche di controllo crescita dai 3-4 anni di età: per ulteriori informazioni, vi suggeriamo di visitare la nostra pagina "ortodonzia infantile" 

Un trattamento ortodontico in età adulta potrà essere mirato al miglioramento di vari aspetti:

  • dell’occlusione
  • della salute dentale e degli elementi di sostegno dei denti (osso e gengive)
  • dell’igiene orale
  • del sorriso e dell’estetica (ringiovanimento del volto e del sorriso)

A seconda della malocclusione e delle esigenze del singolo paziente, i nostri specialisti saranno in grado di impostare la migliore terapia ortodontica che possa soddisfare le aspettative di ciascuno.
I nostri specialisti conoscono tutte le tecniche ortodontiche oggi esistenti e potranno garantire la scelta di quella più adatta a voi.

La nostra Clinica vanta come Responsabile del settore "ortodonzia nell'adulto" uno fra gli specialisti più rinomati in ambito internazionale: il Professore Cesare Debernardi, già direttore della Scuola Di Specializzazione In Ortognatodonzia Dell'Università Di Torino, attualmente direttore dell'Orthodontic School di Rimini.

 

 

Bisogna fare molta attenzione ad affidarsi solo a medici specialisti in ortognatodonzia che sappiano eseguire una diagnosi corretta e impostare una terapia adeguata, poichè terapie incongrue potrebbero portare all'insorgenza di gravi patologie da squilibro mandibolo-mascellare quali per esempio:

  • cefalee muscolo tensive
  • problematiche del sistema cocleo-vestibolare (giramenti di testa, vertigini)
  • problematiche del sistema acustico (ronzii, acufeni, senso di ovattamento)
  • problematiche del sistema visivo
  • nevralgie trigeminali
  • sovraccarico delle articolazioni temporo-mandibolari (dolore, click, difficoltà ad aprire la bocca)

 

Come Centro di riferimento gnatologico abbiamo infatti sviluppato un settore dedicato al recupero delle sintomatologie scaturite da terapia ortodontiche purtroppo errate.
I nostri medici specialisti valuteranno pertanto la possibilità di eseguire una eventuale terapia ortognatodontica senza rischio di incorrere in tali problematiche e, laddove sia sconsigliabile, intraprendere immediatamente un percorso di allineamento dentale, proponendo una preparazione gnatologica volta a favorire in un secondo momento l'impostazione di una eventuale terapia ortodontica che non possa essere dannosa. L'obiettivo dei nostri specialisti, pertanto, non sarà mai quello di vendere un prodotto, ma di pianificare la terapia medica più adatta a ciascuno. A tale scopo, sottolineamo che è impossibile eseguire una diagnosi e quindi effettuare un preventivo di trattamento senza aver eseguito una visita specialistica ortognatodontica. Relativamente a questo, gli specialisti della Clinica Regina Salutis sono a vostra disposizione gratuitamente (ma su prenotazione) per una prima visita odontoiatrica o un consulto su eventuali terapie proposte.

 

Molto importante è evidenziare un altro fattore: non è mai possibile intraprendere una terapia ortodontica senza aver eseguito uno studio del caso basato su dati diagnostici fondamentali.

I dati diagnostici essenziali sono sempre:

  • impronta delle arcate dentali
  • rilevamento dell'occlusione
  • ortopantomografia delle arcate dentali (panoramica)
  • teleradiografie del cranio e conseguenti calcoli cefalometrici 

 

 

Qualsiasi trattamento ortodontico impostato unicamente in seguito ad una impronta e ad una panoramica non risulta scientificamente completo.
Gli specialisti della nostra Clinica seguono sempre scrupolosamente questo protocollo diagnostico fondamentale, garantendo serietà e competenza nei confronti dei loro pazienti.

Tutti i dati diagnostici essenziali possono essere comodamente rilevati presso la nostra Clinica in un ambiente confortevole: le nostre moderne tecnologie quali per esempio lo scanner intraorale hanno eliminato tutti i fastidi delle classiche tecniche diagnostiche come le famose paste per impronta.

 

 

Le tecniche di ortodonzia fissa sono quindi tutte uguali?

 

 

Assolutamente no. Esistono molte differenze che consistono sia nella scelta di materiali più o meno di livello sia nella capacità stessa dell'operatore di impostare una corretta terapia e gestire nel corso della stessa le risposte biologiche ottenute. Importante sapere che l'ortodonzia fissa in età evolutiva deve essere eseguita sempre sia sull'arcata superiore sia sull'arcata inferiore: dobbiamo sempre ricordare che non si deve pensare ai singoli denti ma all'insieme funzionale del sistema.

Una volta impostata una corretta diagnosi i nostri specialisti potranno offrirvi le migliori tecniche ortodontiche che si distingueranno in:

  • ortodonzia fissa vestibolare (bracket metallici incollati sulla parete esterna dei denti)

 

 

 

  • ortodonzia linguale (bracket incollati sulla superficie interna dei denti e quindi completamente invisibili)

 

 

 

 

  • ortodonzia con sistemi ortodontici progettati e prodotti specificatamente sul singolo paziente per una terapia completamente individualizzata e finalizzata al raggiungimento di standard funzionali ed estetici il più elevati possibile

 

 

"Ma una volta che tolgo l'apparecchio fisso mi si possono storcere i denti?"

 

 

L'ortodonzia fissa ha lo scopo di muovere i denti all'interno dell'osso (proprio per tale ragione è inutile quando i bambini hanno ancora i denti da latte). Per eseguire questi movimenti si assiste ad un riassorbimento e riapposizione ossea; in parole povere, è come travasare una pianta: il terreno attorno ad essa sarà morbido e bisogna lasciare il tempo che si assesti. Pertanto, se si rimuove l'apparecchio fisso senza applicare strumenti di contenzione, sicuramente si andrà incontro ad una recidiva (i denti si sposteranno). Purtroppo, nella storia ortodontica, molti operatori non proponevano o non seguivano con attenzione i pazienti nella fase di contenzione: questo ha portato molti casi di recidiva e la conseguente diffusione della leggenda metropolitana per cui i denti tornano storti. Esistono differenti tipi di tecniche di contenzione: nella nostra Scuola utilizziamo le migliori tecniche di contenzione che garantiscono comodità, tutela dell'igiene dentale e massima sicurezza del mantenimento del risultato per tutta la vita.

Perfetto: abbiamo capito che con un'adeguata terapia di contenzione i nostri denti rimarranno sempre dritti. Ma tale terapia è molto impegnativa?

 

 

Assolutamente no. La terapia di contenzione proposta dai nostri specialisti consiste nella realizzazione su misura del paziente di due placche di contenzione (superiore - inferiore) da portare la notte. La terapia di contenzione non è in alcun modo fastidiosa o dolorosa: a differenza della terapia ortodontica non richiede una risposta biomeccanica ma solamente il mantenimento della posizione raggiunta, quindi il paziente portandola non sente assolutamente nulla. Le placche di contenzione dovranno essere portate tutte le notti per i primi anni. Di seguito aumenterà la stabilità del tessuto osseo di supporto e si potrà ridurre la cadenza delle notti in cui si porta. Sapendo che fisiologicamente la nostra occlusione tende a delle variazioni nell'arco della vita. Le placche di contenzione saranno un'arma a nostro vantaggio da usare anche solo una notte al mese al fine di poter aver sempre il controllo del risultato ottenuto. Il primo anno si eseguiranno controlli trimestrali con lo specialista ma dal secondo anno basterà andare al controllo una volta ogni sei mesi, cadenza con la quale è necessario (per tutti i pazienti sani) sottoporsi a una seduta di igiene professionale. Sarà quindi possibile affiancare il controllo alla seduta di igiene al fine di avere la gestione completa sia dell'occlusione sia dello stato di salute del cavo orale.

"Ma i fili incollati sui denti funzionano nello stesso modo di una placca di contenzione?"

 

 

Assolutamente no. I fili di acciaio incollati sui denti, detti retainer, non possono garantire le stesse prestazioni delle placche di contenzione. A differenza dei retainer (fili di metallo incollati internamente sui denti frontali), la terapia di contenzione con placche removibili ha i seguenti vantaggi:

  • miglior stabilità globale del risultato ottenuto. I retainer infatti vengono incollati solo sul lato linguale dei denti frontali, ovvero da canino a canino. Ma se un'ortodonzia prevede il movimento di tutti i denti, compresi i posteriori, questi ultimi con il retainer non verranno gestiti. Per di più l'azione del retainer si esprimerà solo da un punto di vista dentale applicando una contenzione solo su un lato del dente. Le placche di contenzione invece sono costruite su misura dell'arcata del paziente e vanno ad abbracciare tutti i denti e le strutture ossee di pertinenza. Per di più sul settore frontale esse abbracceranno i denti da entrambi i lati garantendo il massimo controllo delle recidive.
  • miglior gestione dell'igiene dentale. I retainer, venendo incollati sui denti, non consentono una corretta igiene orale domiciliare, impedendo di passare il filo interdentale comodamente fra un dente e l'altro. Ricordiamo che il mantenimento di una corretta igiene orale non garantisce solo un sorriso più bello e un alito più fresco ma è fondamentale per prevenire l'insorgenza della malattia paradontale. Per garantire, quindi, negli anni il mantenimento di un fantastico sorriso il perseguimento di una stabilità ossea passa inevitabilmente per mezzo del mantenimento di una igiene orale adeguata, il cui livello viene inevitabilmente abbassato dalla presenta dei retainer.
  • maggior comodità. È scontato che la continua presenza di materiale incollato sui denti a creare inevitabilmente uno spessore possa essere più fastidioso rispetto alla libertà consentita dalle placche di contenzione. Tali presidi, da portare solo di notte, non risultano assolutamente fastidiosi nè dolorosi.
  • maggior sicurezza. Può accadere che un retainer si rompa anche dopo poco tempo dalla sua applicazione. Spesso il paziente si accorge di tale rottura solo dopo aver notato uno spostamento dentale dovuto all'instabilità della contenzione. A quel punto, l'unico modo per recuperare l'allineamento dentale è un nuovo intervento ortodontico. La placca di contenzione scongiura questa possibilità.
  • maggior durata nel tempo. Anche il miglior retainer nell'arco della vita tenderà a rompersi. La placca di contenzione per le sue caratteristiche tecniche risulta estremamente robusta e duratura nel tempo. Pertanto, salvo smarrimento (poco probabile) risulterà pressochè eterna. La terapia di contenzione con placche rimovibili garantisce quindi il mantenimento del risultato ottenuto per tutta la vita.

Per ulteriori informazioni e chiarimenti non esitate a contattarci o, ancor meglio, a richiedere una visita specialistica gratuita al fine di sfatare ogni vostro dubbio.